rdf:type
rdfs:label
  • Estimi
dc:title
  • Estimi
dc:description
  • Degli estimi compilati dall'inizio della dominazione Veneziana fino al 1640 si conservano oggi solo i cosiddetti " campioni d'estimo ", che rappresentano la fase conclusiva di tutte le rilevazioni estimali compiute fino a quella data. Vi è però una significativa eccezione: per il primo estimo generale di Vicenza, pubblicato nel 1564, si conservano dei registri con ampia e dettagliata descrizione delle case di città e particolari libri detti " balanzon ", nei quali sono elencati tutti i beni posseduti dai Veneziani, dai distrettuali, dai vicentini stessi e dal clero nel territorio. Dell'estimo generale della città che risale al 1640 esistono invece, oltre ai " campioni ", anche le polizze originali, legate in volumi e trascritte nei libri mastri. Un nuovo estimo generale " di conferenza tra la Magnifica città, Reverendissimo clero e spettabile territorio " fu ordinato nel 1665 e pubblicato undici anni dopo, nel 1676: esso rimase in vigore fino alla formazione del catasto napoleonico. Alla documentazione descritta si aggiungono per la città i registri " scodaroli ", impostati dai cancellieri della camera di pubblica esazione, con il riparto del debito fiscale d'ogni contribuente, che invece non esistono per i distrettuali. I distrettuali infatti pagavano le loro gravezze ai rispettivi comuni con le periodiche " colte ", che non sono materialmente documentate.si conservano, inoltre, relativamente al solo corpo fiscale cittadino, filze e registri dei traslati delle proprietà[...]
dc:date
  • (1427-1810)
ha conservatore
ha date complesso archivistico
ha statusProvenienza
abstract
  • Degli estimi compilati dall'inizio della dominazione Veneziana fino al 1640 si conservano oggi solo i cosiddetti " campioni d'estimo ", che rappresentano la fase conclusiva di tutte le rilevazioni estimali compiute fino a quella data. Vi è però una significativa eccezione: per il primo estimo generale di Vicenza, pubblicato nel 1564, si conservano dei registri con ampia e dettagliata descrizione delle case di città e particolari libri detti " balanzon ", nei quali sono elencati tutti i beni posseduti dai Veneziani, dai distrettuali, dai vicentini stessi e dal clero nel territorio. Dell'estimo generale della città che risale al 1640 esistono invece, oltre ai " campioni ", anche le polizze originali, legate in volumi e trascritte nei libri mastri. Un nuovo estimo generale " di conferenza tra la Magnifica città, Reverendissimo clero e spettabile territorio " fu ordinato nel 1665 e pubblicato undici anni dopo, nel 1676: esso rimase in vigore fino alla formazione del catasto napoleonico. Alla documentazione descritta si aggiungono per la città i registri " scodaroli ", impostati dai cancellieri della camera di pubblica esazione, con il riparto del debito fiscale d'ogni contribuente, che invece non esistono per i distrettuali. I distrettuali infatti pagavano le loro gravezze ai rispettivi comuni con le periodiche " colte ", che non sono materialmente documentate.si conservano, inoltre, relativamente al solo corpo fiscale cittadino, filze e registri dei traslati delle proprietà[...]
scheda provenienza href
scheda SAN
ha produttore
consistenza
  • bb. e regg. 3.200 e ff. 414
oad:extentAndMedium
  • bb. e regg. 3.200 e ff. 414
forma autorizzata complesso archivistico
  • Estimi
oad:title
  • Estimi
record provenienza id
  • GG0940063004
sistema provenienza
  • GGASI
tipologia complesso
  • fonds
is è conservatore di of
is è produttore di of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.