rdf:type
rdfs:label
  • Archivio nazionale del cinema d'impresa
dc:title
  • Archivio nazionale del cinema d'impresa
dc:description
  • Nel 2005 a Ivrea viene istituito l'Archivio nazionale cinema d'impresa, in convenzione tra il Centro sperimentale di cinematografia, la Regione Piemonte, il Comune di Ivrea e Telecom Italia Spa, per la conservazione e la diffusione dei documenti visivi realizzati in ambito d'impresa. L'Archivio, che ha sede nell'ex asilo olivettiano progettato da Mario Ridolfi, conserva circa 40.000 rulli di film realizzati a partire dai primi anni del Novecento da imprese come Borsalino, Breda, Edison, Eni, Innocenti, Montecatini, Fiat, Olivetti, Peroni, Breda, Aem Milano, Necchi, Metropolitana Milanese; enti di ricerca come l'Enea; case di produzione pubblicitaria come Film Master e Rectafilm. Il cinema industriale ha rappresentato dagli anni Trenta agli anni Ottanta un settore importante della politica aziendale e ha prodotto migliaia di documentari che oggi costituiscono un patrimonio prezioso per ricostruire la storia economica e sociale dell'Italia e più complessivamente la memoria del nostro tempo. La riscoperta degli archivi industriali consente inoltre di valorizzare ambiti produttivi del cinema italiano a lungo dimenticati, reintegrando nella filmografia di importanti cineasti le opere da loro realizzate per il cinema d'impresa. L'archivio conserva, infatti, opere di: Michelangelo Antonioni, Alessandro Blasetti, Paolo e Vittorio Taviani, Silvio Soldini, Nelo Risi, Valentino Orsini, Ermanno Olmi; di quest'ultimo l'Archivio ha restaurato e pubblicato in dvd alcuni tra i più bei do...
è conservatore di
ha tipologia
codice ISIL
  • IT-TO1036
indirizzo
  • via Liberazione, 4
altro accesso
scheda SAN
ha luogoConservatore
ha sito web
consultazione
  • 1(xsd:integer)
descrizione
  • Nel 2005 a Ivrea viene istituito l'Archivio nazionale cinema d'impresa, in convenzione tra il Centro sperimentale di cinematografia, la Regione Piemonte, il Comune di Ivrea e Telecom Italia Spa, per la conservazione e la diffusione dei documenti visivi realizzati in ambito d'impresa. L'Archivio, che ha sede nell'ex asilo olivettiano progettato da Mario Ridolfi, conserva circa 40.000 rulli di film realizzati a partire dai primi anni del Novecento da imprese come Borsalino, Breda, Edison, Eni, Innocenti, Montecatini, Fiat, Olivetti, Peroni, Breda, Aem Milano, Necchi, Metropolitana Milanese; enti di ricerca come l'Enea; case di produzione pubblicitaria come Film Master e Rectafilm. Il cinema industriale ha rappresentato dagli anni Trenta agli anni Ottanta un settore importante della politica aziendale e ha prodotto migliaia di documentari che oggi costituiscono un patrimonio prezioso per ricostruire la storia economica e sociale dell'Italia e più complessivamente la memoria del nostro tempo. La riscoperta degli archivi industriali consente inoltre di valorizzare ambiti produttivi del cinema italiano a lungo dimenticati, reintegrando nella filmografia di importanti cineasti le opere da loro realizzate per il cinema d'impresa. L'archivio conserva, infatti, opere di: Michelangelo Antonioni, Alessandro Blasetti, Paolo e Vittorio Taviani, Silvio Soldini, Nelo Risi, Valentino Orsini, Ermanno Olmi; di quest'ultimo l'Archivio ha restaurato e pubblicato in dvd alcuni tra i più bei do...
forma autorizzata conservatore
  • Archivio nazionale del cinema d'impresa
is ha conservatore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.