rdf:type
rdfs:label
  • Magistrato della reale governazione
dc:title
  • Magistrato della reale governazione
dc:description
  • La magistratura ha origine a metà del sec. XV; chiamata reale governazione perché presieduta dal governatoreesercitava giurisdizione civile e criminalein prima istanza, sulle cause di abitanti nella città e territorio di Sassari non soggetti alla giurisdizione ordinaria o baronale. sempre in prima istanza giudicava 1e cause fra i feudatari, le comunità e i particolari, relative al possesso dei diritti baronali, su tutto il " capo " di Sassari e di Logudoro, con il voto di un assessore consultore. Inoltre, nel medesimo ambito territoriale, giudicava con due assessori, uno per le cause civili, l'altro per le criminali, in grado di appello proposto contro le sentenze emanate dalle curie reali e baronali. Contro le sentenze emanate dal magistrato della reale governazione si poteva ricorrere a magistrature con sede in Cagliari, rispettivamente al regio consiglio (o sala criminale) per il lato criminale e per il lato civile alla sala civile della reale udienza di Sardegna. L'ordinamento spagnolo si conservò nelle linee generali sotto i Savoia: nel 1806 Vittorio Emanuele I disponeva alcune modifiche concernenti la composizione ed il funzionamento dello stesso istituto, formato così, oltre che dal governatore, anche da un reggente (o protonotaro) e da quattro assessori, questi ultimi nominati a vita dal re, sopra una terna: insindacabili nel loro operato dal viceré, senza uno speciale mandato del re. Nel 1838, in seguito alla riorganizzazione di tutte le circoscrizioni giudiziar[...]
dc:date
  • [sec. XIV-1717]
ha contesto storico istituzionale
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • La magistratura ha origine a metà del sec. XV; chiamata reale governazione perché presieduta dal governatoreesercitava giurisdizione civile e criminalein prima istanza, sulle cause di abitanti nella città e territorio di Sassari non soggetti alla giurisdizione ordinaria o baronale. sempre in prima istanza giudicava 1e cause fra i feudatari, le comunità e i particolari, relative al possesso dei diritti baronali, su tutto il " capo " di Sassari e di Logudoro, con il voto di un assessore consultore. Inoltre, nel medesimo ambito territoriale, giudicava con due assessori, uno per le cause civili, l'altro per le criminali, in grado di appello proposto contro le sentenze emanate dalle curie reali e baronali. Contro le sentenze emanate dal magistrato della reale governazione si poteva ricorrere a magistrature con sede in Cagliari, rispettivamente al regio consiglio (o sala criminale) per il lato criminale e per il lato civile alla sala civile della reale udienza di Sardegna. L'ordinamento spagnolo si conservò nelle linee generali sotto i Savoia: nel 1806 Vittorio Emanuele I disponeva alcune modifiche concernenti la composizione ed il funzionamento dello stesso istituto, formato così, oltre che dal governatore, anche da un reggente (o protonotaro) e da quattro assessori, questi ultimi nominati a vita dal re, sopra una terna: insindacabili nel loro operato dal viceré, senza uno speciale mandato del re. Nel 1838, in seguito alla riorganizzazione di tutte le circoscrizioni giudiziar[...]
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Magistrato della reale governazione
eac-cpf:authorizedForm
  • Magistrato della reale governazione
record provenienza id
  • SP001240
sistema provenienza
  • GGASI
dc:coverage
  • Cagliari
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.