rdf:type
rdfs:label
  • Pratica segreta
dc:title
  • Pratica segreta
dc:description
  • Non fu istituita con provvedimento formale, ma cominciò a funzionare dal 1545 come consiglio del principe, composto dai suoi principali collaboratori, che all'inizio componevano il consiglio segreto di Cosimo I, di due senatori che risiedevano negli Otto di pratica, sostituiti nel 1560 dai due che facevano parte del magistrato dei Nove, dopo la soppressione degli Otto, dall'auditore fiscale, dal depositario generale, e da esperti chiamati di volta in volta dal principe a suo arbitrio. Ne era segretario l'auditore delle riformagioni. Ebbe grande autorità fino al primo ventennio del sec. XVII; in questo periodo discusse le principali riforme attuate dai Medici. Ebbe anche funzione di tribunale, ma senza una giurisdizione determinata per legge. Aveva la cognizione delle controversie sorte sia tra feudatari, sia tra costoro e i vassalli. Una disposizione di Cosimo I del 31 mar. 1556 dava alla Pratica la facoltà di giudicare solo le cause affidatele per rescritto; nel 1557 le fu data la facoltà di approvare gli statuti rogati dai " ministri " delle riformagioni; dal 1582 la facoltà di abilitare notai all'esercizio della professione e ricevere il loro giuramento; il 28 gennaio 1583 la cognizione delle cause sorte tra " magistrato e magistrato ", da giudicarsi con procedura sommaria; nel 1586 quella di autorizzare i giudici e notai in carica ad assentarsi dalla propria residenza. La maggior parte delle funzioni giurisdizionali passarono gradualmente alla consulta, istituita nel[...]
dc:date
  • [1532-1568]
ha contesto storico istituzionale
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • Non fu istituita con provvedimento formale, ma cominciò a funzionare dal 1545 come consiglio del principe, composto dai suoi principali collaboratori, che all'inizio componevano il consiglio segreto di Cosimo I, di due senatori che risiedevano negli Otto di pratica, sostituiti nel 1560 dai due che facevano parte del magistrato dei Nove, dopo la soppressione degli Otto, dall'auditore fiscale, dal depositario generale, e da esperti chiamati di volta in volta dal principe a suo arbitrio. Ne era segretario l'auditore delle riformagioni. Ebbe grande autorità fino al primo ventennio del sec. XVII; in questo periodo discusse le principali riforme attuate dai Medici. Ebbe anche funzione di tribunale, ma senza una giurisdizione determinata per legge. Aveva la cognizione delle controversie sorte sia tra feudatari, sia tra costoro e i vassalli. Una disposizione di Cosimo I del 31 mar. 1556 dava alla Pratica la facoltà di giudicare solo le cause affidatele per rescritto; nel 1557 le fu data la facoltà di approvare gli statuti rogati dai " ministri " delle riformagioni; dal 1582 la facoltà di abilitare notai all'esercizio della professione e ricevere il loro giuramento; il 28 gennaio 1583 la cognizione delle cause sorte tra " magistrato e magistrato ", da giudicarsi con procedura sommaria; nel 1586 quella di autorizzare i giudici e notai in carica ad assentarsi dalla propria residenza. La maggior parte delle funzioni giurisdizionali passarono gradualmente alla consulta, istituita nel[...]
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Pratica segreta
eac-cpf:authorizedForm
  • Pratica segreta
record provenienza id
  • SP015750
sistema provenienza
  • GGASI
dc:coverage
  • Firenze
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.