rdf:type
rdfs:label
  • II Compartimento: Lombardia e Veneto (uniti in un unico compartimento nel 1877). Catasti preunitari dello Stato di Milano poi Repubblica cisalpina poi Repubblica italiana poi Regno d’Italia; della Repubblica di Venezia; della Monarchia asburgica-Regno Lombardo-veneto; Catasto italiano
dc:title
  • II Compartimento: Lombardia e Veneto (uniti in un unico compartimento nel 1877). Catasti preunitari dello Stato di Milano poi Repubblica cisalpina poi Repubblica italiana poi Regno d’Italia; della Repubblica di Venezia; della Monarchia asburgica-Regno Lombardo-veneto; Catasto italiano
dc:description
  • MilanoIstituti preposti alla formazione del catasto.Il primo catasto (detto di Maria Teresa) di cui si conservano gli atti di formazione è quello ordinato da Carlo VI d'Asburgo sin dal 1714, iniziato con la nomina (3 dicembre 1718) della prima giunta del censimento presieduta da Vincenzo de Miro. I lavori, interrotti nel 1733 dall'invasione franco-sarda, furono ripresi dalla seconda giunta del censimento, istituita da Maria Teresa, con dispaccio 19 lu. 1749, e presieduta da Pompeo Neri; con decreto 31 dic. 1757 essa venne sostituita dall'interinale delegazione per l'esecuzione del censimento. Il catasto, approvato con sentenza 30 dic. 1757, venne attivato il 1 gennaio 1760 e fu accompagnato dalla pubblicazione di un codice censuario.Denominato dagli operatori catastali del sec. XIX " censo antico ", " vecchio censo " o" censo milanese ", il catasto teresiano fu attivato per le province rimaste allo Stato di Milano dopo il trattato di Worms (1743), e cioè il ducato di Milano, le contee di Como, Cremona e Lodi, e il principato di Pavia.Dopo l'annessione al regno d'Italia dei dipartimenti veneti, il decreto 12 genn. 1807affidò alla direzione generale del censo, dipendente dal ministero degli interni, la formazione di un nuovo catasto, fondato sugli stessi principi di quello teresiano, in tutti i dipartimenti che ne fossero sprovvisti, compresi quindi anche alcuni territori oggi lombardi. I lavori di misura, iniziati nei dipartimenti veneti e proseguiti in quelli ex-pontific[...]
dc:date
  • [non presente]
ha qualificazioni relazioni Cpf
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • MilanoIstituti preposti alla formazione del catasto.Il primo catasto (detto di Maria Teresa) di cui si conservano gli atti di formazione è quello ordinato da Carlo VI d'Asburgo sin dal 1714, iniziato con la nomina (3 dicembre 1718) della prima giunta del censimento presieduta da Vincenzo de Miro. I lavori, interrotti nel 1733 dall'invasione franco-sarda, furono ripresi dalla seconda giunta del censimento, istituita da Maria Teresa, con dispaccio 19 lu. 1749, e presieduta da Pompeo Neri; con decreto 31 dic. 1757 essa venne sostituita dall'interinale delegazione per l'esecuzione del censimento. Il catasto, approvato con sentenza 30 dic. 1757, venne attivato il 1 gennaio 1760 e fu accompagnato dalla pubblicazione di un codice censuario.Denominato dagli operatori catastali del sec. XIX " censo antico ", " vecchio censo " o" censo milanese ", il catasto teresiano fu attivato per le province rimaste allo Stato di Milano dopo il trattato di Worms (1743), e cioè il ducato di Milano, le contee di Como, Cremona e Lodi, e il principato di Pavia.Dopo l'annessione al regno d'Italia dei dipartimenti veneti, il decreto 12 genn. 1807affidò alla direzione generale del censo, dipendente dal ministero degli interni, la formazione di un nuovo catasto, fondato sugli stessi principi di quello teresiano, in tutti i dipartimenti che ne fossero sprovvisti, compresi quindi anche alcuni territori oggi lombardi. I lavori di misura, iniziati nei dipartimenti veneti e proseguiti in quelli ex-pontific[...]
scheda provenienza href
scheda SAN
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • II Compartimento: Lombardia e Veneto (uniti in un unico compartimento nel 1877). Catasti preunitari dello Stato di Milano poi Repubblica cisalpina poi Repubblica italiana poi Regno d’Italia; della Repubblica di Venezia; della Monarchia asburgica-Regno Lombardo-veneto; Catasto italiano
eac-cpf:authorizedForm
  • II Compartimento: Lombardia e Veneto (uniti in un unico compartimento nel 1877). Catasti preunitari dello Stato di Milano poi Repubblica cisalpina poi Repubblica italiana poi Regno d’Italia; della Repubblica di Venezia; della Monarchia asburgica-Regno Lombardo-veneto; Catasto italiano
record provenienza id
  • SP214402
sistema provenienza
  • GGASI
dc:coverage
  • non indicato
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.