rdf:type
rdfs:label
  • Ministero di grazia e giustizia
dc:title
  • Ministero di grazia e giustizia
dc:description
  • Il ministero per la giustizia e gli affari ecclesiastici, organizzato con r.d. 21 dic. 1850, fu denominato ministero di grazia giustizia e dei culti in seguito a r.d. 16 ott. 1861, n. 275, che trasferiva al ministero anche le competenze relative ai culti acattolici spettanti fino ad allora al ministero dell'interno. Era articolato in nove divisioni che, con r.d. 4 nov. 1866, n. 3331, furono ridotte a quattro: per gli affari civili, per gli affari penali, per i culti (istituita come direzione generale con r.d. 24 dic. 1864, n. 2082), per il personale e contabilità, successivamente sdoppiata in due distinte divisioni. Alle dipendenze del ministero si trovava anche l'amministrazione della cassa ecclesiastica, sorta nel 1855 e soppressa con l.7 lu. 1866, n. 3036, che istituiva al suo posto il fondo per il culto (amministrazione autonoma per la gestione del patrimonio degli enti ecclesiastici soppressi) posto alle dipendenze di un direttore generale. Per la vendita dei beni dell'asse ecclesiastico vediMinistero delle finanze, direzione generale del demanio. Le leggi eversive del 1866 (n. 3036) e del 1867 (n3848) furono applicate in tutte le province del regno, ad eccezione della provincia romana, per la quale l'estensione delle norme sulla soppressione della proprietà ecclesiastica avvenne con notevoli differenze: con l.19 giu. 1873, n. 1402 (e successivo regolamento approvato con decreto del o stesso anno n. 1461) fu istituita la giunta liquidatrice dell'asse ecclesiastico p[...]
dc:date
  • 1932-
  • 99999999
ha contesto storico istituzionale
ha qualificazioni relazioni Cpf
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • Il ministero per la giustizia e gli affari ecclesiastici, organizzato con r.d. 21 dic. 1850, fu denominato ministero di grazia giustizia e dei culti in seguito a r.d. 16 ott. 1861, n. 275, che trasferiva al ministero anche le competenze relative ai culti acattolici spettanti fino ad allora al ministero dell'interno. Era articolato in nove divisioni che, con r.d. 4 nov. 1866, n. 3331, furono ridotte a quattro: per gli affari civili, per gli affari penali, per i culti (istituita come direzione generale con r.d. 24 dic. 1864, n. 2082), per il personale e contabilità, successivamente sdoppiata in due distinte divisioni. Alle dipendenze del ministero si trovava anche l'amministrazione della cassa ecclesiastica, sorta nel 1855 e soppressa con l.7 lu. 1866, n. 3036, che istituiva al suo posto il fondo per il culto (amministrazione autonoma per la gestione del patrimonio degli enti ecclesiastici soppressi) posto alle dipendenze di un direttore generale. Per la vendita dei beni dell'asse ecclesiastico vediMinistero delle finanze, direzione generale del demanio. Le leggi eversive del 1866 (n. 3036) e del 1867 (n3848) furono applicate in tutte le province del regno, ad eccezione della provincia romana, per la quale l'estensione delle norme sulla soppressione della proprietà ecclesiastica avvenne con notevoli differenze: con l.19 giu. 1873, n. 1402 (e successivo regolamento approvato con decreto del o stesso anno n. 1461) fu istituita la giunta liquidatrice dell'asse ecclesiastico p[...]
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Ministero di grazia e giustizia
eac-cpf:authorizedForm
  • Ministero di grazia e giustizia
record provenienza id
  • SP082015
sistema provenienza
  • GGASI
dc:coverage
  • Roma
is ha produttore of
is ha relazione con Soggetto Produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.