rdf:type
rdfs:label
  • Cantina sociale di Nonantola
dc:title
  • Cantina sociale di Nonantola
dc:description
  • La Cantina sociale di Nonantola nacque nel 1913 come società cooperativa in nome collettivo per volontà di 25 soci: Carlo Sacerdoti, Gino e Dino Friedmann, Evaristo Piccinini, Guido Tacoli, Pietro Giovanardi, Luigi Galli, Oreste Bertelli, Domenico Ferrari, Paolo Fiorini, Emilio Reggiani, Enrico Burani, Giovani Reggiani, Giuseppe Bulgarelli, Luigi Grenzi, Amos Dallari, Lodovico Vandelli, Antonio Piccinini, Alfonso Sighinolfi, Mauro Pignatti, Venerio Bellentani, Teresa Bruni, Primo Nora, Giovanni Zoboli, Andrea Reggiani. <br />Il primo presidente del consiglio di amministrazione, eletto nell'assemblea del 19 ottobre del 1913, fu l'avvocato Gino Friedmann che restò in carica fino al 1931 e nuovamente ottenne la nomina dal 1945 al 1954.<br />La società si proponeva "la lavorazione in comune delle uve dei soci e la vendita in comune del vino prodotto, nonchè dei sottoprodotti della vinificazione" (1); l'anno successivo alla fondazione, ebbe inizio la costruzione degli edifici dello stabilimento, che continuò a crescere sia dal punto di vista delle strutture che degli impianti e della produzione, tanto che già nel 1925 fu quasi raddoppiato. Ad agevolare lo sviluppo della Cantina contribuì indubbiamente la costruzione della ferrovia Modena - Nonantola - Ferrara accanto allo stabilimento, che favorì il trasporto dei prodotti agricoli da e per Nonantola. <br />Nel 1920 la Società "Cantina Sociale Cooperativa di Nonantola" cambia denominazione e ragione sociale e diventa "Lavorazione Sociale Prodotti Agricoli di Nonantola" al fine di estendere le tipologie di prodotti ed introducendo così, accanto alle uve, anche la lavorazione del pomodoro (salse ed estratto di pomodoro) e della frutta, produzioni caratteristiche del territorio modenese. In questo modo l'avvocato Gino Friedmann si proponeva di utilizzare le strutture e le maestranze della cantina in un periodo, quale quello della maturazione del pomodoro, di stasi delle attività enologiche (2). Un documento datato 1954, e trovato sciolto accanto ai registri (3), attesta però che queste utime produzioni cessarono fra il 1949 ed il 1950 poichè vi troviamo scritto che "la lavorazione del pomodoro e la lavorazione della frutta sono sospese rispettivamente da quattro e cinque anni".<br />L'attività dell'azienda proseguì ininterrotta fino ai primi anni Novanta del Novecento, anche se il conferimento dell'uva viene a cessare già dalla seconda metà degli anni Ottanta. <br /><br />Note:<br />(1) Malaguti Gino, "G. Friedmann: proprietario terriero di inizio del secolo. Breve storia locale", Bologna, La Nuova Immagine, 1990, p. 27<br />(2) Saltini A., "Friedmann, Gino" in "Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1998<br />(3) Ufficio Tecnico delle Imposte di Fabbricazione di Reggio Emilia, "Allegato n. 3 alla denuncia di attivazione in data 22 ottobre 1954. Verbale di verifica dell'opificio per la concentrazione di mosti di uva, di proprietà della ditta Lavorazione Sociale e Cantina Sociale di Nonantola"
dc:date
  • 1913 - 1990 inizi
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • La Cantina sociale di Nonantola nacque nel 1913 come società cooperativa in nome collettivo per volontà di 25 soci: Carlo Sacerdoti, Gino e Dino Friedmann, Evaristo Piccinini, Guido Tacoli, Pietro Giovanardi, Luigi Galli, Oreste Bertelli, Domenico Ferrari, Paolo Fiorini, Emilio Reggiani, Enrico Burani, Giovani Reggiani, Giuseppe Bulgarelli, Luigi Grenzi, Amos Dallari, Lodovico Vandelli, Antonio Piccinini, Alfonso Sighinolfi, Mauro Pignatti, Venerio Bellentani, Teresa Bruni, Primo Nora, Giovanni Zoboli, Andrea Reggiani. <br />Il primo presidente del consiglio di amministrazione, eletto nell'assemblea del 19 ottobre del 1913, fu l'avvocato Gino Friedmann che restò in carica fino al 1931 e nuovamente ottenne la nomina dal 1945 al 1954.<br />La società si proponeva "la lavorazione in comune delle uve dei soci e la vendita in comune del vino prodotto, nonchè dei sottoprodotti della vinificazione" (1); l'anno successivo alla fondazione, ebbe inizio la costruzione degli edifici dello stabilimento, che continuò a crescere sia dal punto di vista delle strutture che degli impianti e della produzione, tanto che già nel 1925 fu quasi raddoppiato. Ad agevolare lo sviluppo della Cantina contribuì indubbiamente la costruzione della ferrovia Modena - Nonantola - Ferrara accanto allo stabilimento, che favorì il trasporto dei prodotti agricoli da e per Nonantola. <br />Nel 1920 la Società "Cantina Sociale Cooperativa di Nonantola" cambia denominazione e ragione sociale e diventa "Lavorazione Sociale Prodotti Agricoli di Nonantola" al fine di estendere le tipologie di prodotti ed introducendo così, accanto alle uve, anche la lavorazione del pomodoro (salse ed estratto di pomodoro) e della frutta, produzioni caratteristiche del territorio modenese. In questo modo l'avvocato Gino Friedmann si proponeva di utilizzare le strutture e le maestranze della cantina in un periodo, quale quello della maturazione del pomodoro, di stasi delle attività enologiche (2). Un documento datato 1954, e trovato sciolto accanto ai registri (3), attesta però che queste utime produzioni cessarono fra il 1949 ed il 1950 poichè vi troviamo scritto che "la lavorazione del pomodoro e la lavorazione della frutta sono sospese rispettivamente da quattro e cinque anni".<br />L'attività dell'azienda proseguì ininterrotta fino ai primi anni Novanta del Novecento, anche se il conferimento dell'uva viene a cessare già dalla seconda metà degli anni Ottanta. <br /><br />Note:<br />(1) Malaguti Gino, "G. Friedmann: proprietario terriero di inizio del secolo. Breve storia locale", Bologna, La Nuova Immagine, 1990, p. 27<br />(2) Saltini A., "Friedmann, Gino" in "Dizionario Biografico degli Italiani", Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1998<br />(3) Ufficio Tecnico delle Imposte di Fabbricazione di Reggio Emilia, "Allegato n. 3 alla denuncia di attivazione in data 22 ottobre 1954. Verbale di verifica dell'opificio per la concentrazione di mosti di uva, di proprietà della ditta Lavorazione Sociale e Cantina Sociale di Nonantola"
altra denominazione produttore
  • Cantina sociale di Nonantola
  • Cantina sociale di Nonantola società cooperativa a responsabilità limitata
  • Cantina Sociale Cooperativa di Nonantola
  • Lavorazione Sociale Prodotti Agricoli di Nonantola
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
forma autorizzata produttore
  • Cantina sociale di Nonantola
eac-cpf:authorizedForm
  • Cantina sociale di Nonantola
record provenienza id
  • IT-ER-IBC-SP00001-0001218
sistema provenienza
  • IT-ER-IBC
dc:coverage
  • Nonantola
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.