rdf:type
rdfs:label
  • Consorzio irriguo seriola Vecchia
dc:title
  • Consorzio irriguo seriola Vecchia
dc:description
  • La seriola Vecchia è il primo in ordine di tempo e per portata d'acqua tra i canali derivati in sponda sinistra dal fiume Oglio (1). Da questo derivò probabilmente il suo nome. Poiché le pretese origini etrusche e romane del canale non sono ancora state dimostrate e i documenti anteriori al 1272 furono distrutti insieme a quelli del comune di Chiari dai guelfi vittoriosi sui ghibellini in occasione della battaglia della Marochina, la storia documentata della seriola Vecchia inizia con un atto di diffida verso gli scavatori della seriola Fusia rogato dal notaio Benvenutus de Bartolameis di Chiari il 29 aprile 1347 (2). Nel 1422 Filippo Maria Visconti duca di Milano approvava con un suo rescritto le provvigioni dell'universitas della roggia, dando così la conferma al diritto a trarre acqua dall'Oglio che gli statuti bresciani del 1281 avevano assicurato a ogni cittadino. L'amministrazione del canale, fino allo scorcio del Settecento fu tenuta dal Comune di Chiari sotto la direzione dei sindaci dell'università. I rapporti tra Comune e università vennero regolati dalla "Transactio hominum Universitatis Seriolae Veteris de Claris cum communi dictae Terrae" del 26 febbraio 1461 (3). In forza di tale transazione, per ovviare alla cattiva amministrazione a quel momento praticata, si stabiliva di assegnare gli utili dei mulini e delle ruote costruiti lungo il corso del vaso alla comunità stessa che si obbligava ad assumere le spese di manutenzione e di contenzioso, restando la proprietà e il dominio di quelli all'università. [Descrizione completa consultabile in Lombardia Beni Culturali.]
dc:date
  • sec. XIV
  • 99999999
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • La seriola Vecchia è il primo in ordine di tempo e per portata d'acqua tra i canali derivati in sponda sinistra dal fiume Oglio (1). Da questo derivò probabilmente il suo nome. Poiché le pretese origini etrusche e romane del canale non sono ancora state dimostrate e i documenti anteriori al 1272 furono distrutti insieme a quelli del comune di Chiari dai guelfi vittoriosi sui ghibellini in occasione della battaglia della Marochina, la storia documentata della seriola Vecchia inizia con un atto di diffida verso gli scavatori della seriola Fusia rogato dal notaio Benvenutus de Bartolameis di Chiari il 29 aprile 1347 (2). Nel 1422 Filippo Maria Visconti duca di Milano approvava con un suo rescritto le provvigioni dell'universitas della roggia, dando così la conferma al diritto a trarre acqua dall'Oglio che gli statuti bresciani del 1281 avevano assicurato a ogni cittadino. L'amministrazione del canale, fino allo scorcio del Settecento fu tenuta dal Comune di Chiari sotto la direzione dei sindaci dell'università. I rapporti tra Comune e università vennero regolati dalla "Transactio hominum Universitatis Seriolae Veteris de Claris cum communi dictae Terrae" del 26 febbraio 1461 (3). In forza di tale transazione, per ovviare alla cattiva amministrazione a quel momento praticata, si stabiliva di assegnare gli utili dei mulini e delle ruote costruiti lungo il corso del vaso alla comunità stessa che si obbligava ad assumere le spese di manutenzione e di contenzioso, restando la proprietà e il dominio di quelli all'università. [Descrizione completa consultabile in Lombardia Beni Culturali.]
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Consorzio irriguo seriola Vecchia
eac-cpf:authorizedForm
  • Consorzio irriguo seriola Vecchia
record provenienza id
  • MIDB000FF6
sistema provenienza
  • LBC-Archivi
dc:coverage
  • Chiari
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.