rdf:type
rdfs:label
  • Santa Maria di Follina, camaldolesi
dc:title
  • Santa Maria di Follina, camaldolesi
dc:description
  • Le incerte origini dell´abbazia di S. Maria di Follina risalgono alla metà del sec. XII; si discute se i monaci cistercensi, provenienti da Chiaravalle e guidati dall´abate Stefano, siano subentrati ad una comunità estinta già alle dipendenze del monastero di S. Fermo di Verona o abbiano fondato ex-novo il monastero. Il Duecento segnò lo sviluppo e l´affermazione sia economico-patrimoniale che morale della comunità; a quest´epoca risalgono la costruzione della chiesa e del chiostro attuale. Entrato in crisi nella seconda metà del sec. XIV, si arrivò nel 1448 alla soppressione della comunità cistercense e alla concessione in commenda dell´abbazia al cardinale Pietro Barbo (tra gli abati commendatari da ricordare l´arcivescovo di Milano Carlo Borromeo). Nel 1573 il cardinale e commendatario Tolomeo Gallo vi insediò una famiglia di camaldolesi che governò e resse il monastero sino al 1771. Il monastero fu soppresso con decreto del Senato veneto nel 1769 e abbandonato dai religiosi nel 1771. Bibliografia: Anagrafe informatizzata degli Archivi di Stato italiani, 1999; P.A. PASSOLUNGHI, S. Maria di Follina monastero cistercense, Treviso, 1984; P.A. PASSOLUNGHI, Il monachesimo benedettino della Marca trevigiana, in «Italia veneta», 1980, 2, pp. 115-122; A. DA MOSTO, L'Archivio di Stato di Venezia. Indice generale, storico, descrittivo ed analitico, Roma, 1940, t. II, p. 169; G. NETTO, Gli archivi delle corporazioni religiose trevigiane soppresse, in Per una storia del Trevigiano in età moderna: guida agli archivi, a cura di D. GASPARINI, L. PUTTIN, in «Studi trevisani», II (1985), 3, Appendice II, parte II
dc:date
  • sec. XII-1769
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • Le incerte origini dell´abbazia di S. Maria di Follina risalgono alla metà del sec. XII; si discute se i monaci cistercensi, provenienti da Chiaravalle e guidati dall´abate Stefano, siano subentrati ad una comunità estinta già alle dipendenze del monastero di S. Fermo di Verona o abbiano fondato ex-novo il monastero. Il Duecento segnò lo sviluppo e l´affermazione sia economico-patrimoniale che morale della comunità; a quest´epoca risalgono la costruzione della chiesa e del chiostro attuale. Entrato in crisi nella seconda metà del sec. XIV, si arrivò nel 1448 alla soppressione della comunità cistercense e alla concessione in commenda dell´abbazia al cardinale Pietro Barbo (tra gli abati commendatari da ricordare l´arcivescovo di Milano Carlo Borromeo). Nel 1573 il cardinale e commendatario Tolomeo Gallo vi insediò una famiglia di camaldolesi che governò e resse il monastero sino al 1771. Il monastero fu soppresso con decreto del Senato veneto nel 1769 e abbandonato dai religiosi nel 1771. Bibliografia: Anagrafe informatizzata degli Archivi di Stato italiani, 1999; P.A. PASSOLUNGHI, S. Maria di Follina monastero cistercense, Treviso, 1984; P.A. PASSOLUNGHI, Il monachesimo benedettino della Marca trevigiana, in «Italia veneta», 1980, 2, pp. 115-122; A. DA MOSTO, L'Archivio di Stato di Venezia. Indice generale, storico, descrittivo ed analitico, Roma, 1940, t. II, p. 169; G. NETTO, Gli archivi delle corporazioni religiose trevigiane soppresse, in Per una storia del Trevigiano in età moderna: guida agli archivi, a cura di D. GASPARINI, L. PUTTIN, in «Studi trevisani», II (1985), 3, Appendice II, parte II
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Santa Maria di Follina, camaldolesi
eac-cpf:authorizedForm
  • Santa Maria di Follina, camaldolesi
record provenienza id
  • IT-ASTV-CC80000052
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Follina (Treviso)
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.