rdf:type
rdfs:label
  • Conti, Giovanni
sameAs
dc:title
  • Conti, Giovanni
foaf:name
  • Conti, Giovanni
dc:description
  • Giovanni Conti nacque a Montegranaro (AP) il 17 novembre 1882. Laureatosi in giurisprudenza si avviò alla professione forense. Educato in famiglia agli ideali repubblicani aderì nel 1898 al Partito Repubblicano Italiano e ne fu uno dei maggiori esponenti. Nel 1922 iniziò a comporre una collana dei classici repubblicani "I problemi dell'epoca". Si adoperò con un lavoro intenso perchè la nazione onorasse Mazzini realizzando sull'Aventino il grande monumento di Ettore Ferrari. L'avvento del fascismo lo impegnò in aspre battaglie pure per le ripercussioni interne del partito repubblicano dove, assieme con Ghisleri e Zuccarini, guidò la corrente intransigente tradizionalista di stretta derivazione mazziniana. Nel 1926 decadde dal mandato parlamentare per aver partecipato al "gruppo dell'Aventino" e nel 1928 venne radiato dall'albo dei procuratori. Nel 1938 venne arrestato ma continuò la sua attività politica in clandestinità. Dal 1945 in poi portò avanti il suo lavoro di scrittore, giornalista e editore. Bibliografia: G. CASTIGNARI (a cura di), Giovanni Conti nella storia della politica italiana, Ancona, Istituto per la Storia del Movimento Democratico e Repubblicano nelle Marche, 1991
dc:date
  • 11/03/1957
  • 17/11/1882
  • 1907-1957
ha date esistenza
ha luogo Ambito Territoriale
ha statusProvenienza
abstract
  • Giovanni Conti nacque a Montegranaro (AP) il 17 novembre 1882. Laureatosi in giurisprudenza si avviò alla professione forense. Educato in famiglia agli ideali repubblicani aderì nel 1898 al Partito Repubblicano Italiano e ne fu uno dei maggiori esponenti. Nel 1922 iniziò a comporre una collana dei classici repubblicani "I problemi dell'epoca". Si adoperò con un lavoro intenso perchè la nazione onorasse Mazzini realizzando sull'Aventino il grande monumento di Ettore Ferrari. L'avvento del fascismo lo impegnò in aspre battaglie pure per le ripercussioni interne del partito repubblicano dove, assieme con Ghisleri e Zuccarini, guidò la corrente intransigente tradizionalista di stretta derivazione mazziniana. Nel 1926 decadde dal mandato parlamentare per aver partecipato al "gruppo dell'Aventino" e nel 1928 venne radiato dall'albo dei procuratori. Nel 1938 venne arrestato ma continuò la sua attività politica in clandestinità. Dal 1945 in poi portò avanti il suo lavoro di scrittore, giornalista e editore. Bibliografia: G. CASTIGNARI (a cura di), Giovanni Conti nella storia della politica italiana, Ancona, Istituto per la Storia del Movimento Democratico e Repubblicano nelle Marche, 1991
scheda provenienza href
scheda SAN
titolo nobiliare
  • avvocato, politico, scrittore
ha luogoProduttore
ha luogo morte
ha luogo nascita
eac-cpf:hasPlace
è produttore di
forma autorizzata produttore
  • Conti, Giovanni
eac-cpf:authorizedForm
  • Conti, Giovanni
record provenienza id
  • IT-ASAN-CP131400053
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Roma
  • Montegranaro (Ascoli Piceno)
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.