rdf:type
rdfs:label
  • Consulta regionale della Sardegna
dc:title
  • Consulta regionale della Sardegna
dc:description
  • La Consulta regionale sarda fu creata con d.l.lgt. 28 dicembre 1944 con il compito di affiancare l'Alto Commissariato della Sardegna nell'azione di governo. Ad essa spettava la formulazione di proposte concrete per il riassetto agricolo e fondiario, per la ricostruzione industriale, la ripresa dell’attività mineraria e dei trasporti. Ben presto la sua funzione preminente fu quella di elaborare lo Statuto regionale della Sardegna. La sua composizione mutò nel corso degli anni; inizialmente nel 1944 i consultori furono diciotto, scelti fra i rappresentanti delle organizzazioni politiche, economiche, sindacali e culturali oltre sei esperti; nel 1945 i consultori “politici” furono ventiquattro e sette gli esperti. La Consulta cessò di funzionare, come l’Alto Commissariato nel 1949, in seguito alla promulgazione dello Statuto autonomo della Regione Sardegna. Bibliografia: G. CONTINI, Lo statuto della Regione sarda. Documenti sui lavori preparatori, Milano 1971; M. R. CARDIA, Le origini dello Statuto speciale per la Sardegna. Il testo, i documenti, i dibattiti, voll. 3, Sassari 1995; A. Argiolas, C. Ferrante, L’Archivio della Consulta regionale sarda, in << Le carte e la Storia>>, II (1996), n. 2, pp. 140-147.
dc:date
  • 1944-1949
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • La Consulta regionale sarda fu creata con d.l.lgt. 28 dicembre 1944 con il compito di affiancare l'Alto Commissariato della Sardegna nell'azione di governo. Ad essa spettava la formulazione di proposte concrete per il riassetto agricolo e fondiario, per la ricostruzione industriale, la ripresa dell’attività mineraria e dei trasporti. Ben presto la sua funzione preminente fu quella di elaborare lo Statuto regionale della Sardegna. La sua composizione mutò nel corso degli anni; inizialmente nel 1944 i consultori furono diciotto, scelti fra i rappresentanti delle organizzazioni politiche, economiche, sindacali e culturali oltre sei esperti; nel 1945 i consultori “politici” furono ventiquattro e sette gli esperti. La Consulta cessò di funzionare, come l’Alto Commissariato nel 1949, in seguito alla promulgazione dello Statuto autonomo della Regione Sardegna. Bibliografia: G. CONTINI, Lo statuto della Regione sarda. Documenti sui lavori preparatori, Milano 1971; M. R. CARDIA, Le origini dello Statuto speciale per la Sardegna. Il testo, i documenti, i dibattiti, voll. 3, Sassari 1995; A. Argiolas, C. Ferrante, L’Archivio della Consulta regionale sarda, in << Le carte e la Storia>>, II (1996), n. 2, pp. 140-147.
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Consulta regionale della Sardegna
eac-cpf:authorizedForm
  • Consulta regionale della Sardegna
record provenienza id
  • IT-ASCA-CC260440011
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Cagliari
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.