rdf:type
rdfs:label
  • Procurazione reale del Regno di Sardegna
dc:title
  • Procurazione reale del Regno di Sardegna
dc:description
  • La Procurazione reale venne istituita formalmente con carta reale del 1 giugno 1413 da Ferdinando I, re d'Aragona. Aveva il compito di sovraintendere agli uffici patrimoniali dell'isola (dogane, bailie, maggiorie di ville, portolanie, zecche, saline, uffici d'incontrade), di gestire il patrimonio regio attraverso atti di ordinaria amministrazione (riscossione dei diritti e delle rendite regie, stipulazione di contratti d'appalto e di locazione a breve termine, riparazione degli immobili, come castelli e fortificazioni) e di straordinaria amministrazione (concessione in feudo e in enfiteusi dei beni della Corona, riscatto di censi e canoni, concessione di assensi alla alienazione dei feudi, permessi di esportazione merci, ricognizione dei diritti dei concessionari regi; aveva anche competenza giudiziaria relativamente alle cause in cui era parte il fisco regio. L'ufficio cessò di esistere ufficialmente nel maggio 1720, anno della creazione dell'Intendenza generale da parte di casa Savoia. Bibliografia: ARCHIVIO DI STATO DI CAGLIARI, Il primo Liber Curiae della Procurazione Reale di Sardegna (1413-1425), a cura di G. Olla Repetto, Roma 1974; G. OLLA REPETTO, L'istituto del Procurator regius Regni Sardiniae sotto Alfonso il Magnanimo, in <<Medioevo. Saggi e Rassegne>>, 2 (1976), pp. 97-108.
dc:date
  • 1413-1720
ha date esistenza
ha luogo Ambito Territoriale
ha statusProvenienza
abstract
  • La Procurazione reale venne istituita formalmente con carta reale del 1 giugno 1413 da Ferdinando I, re d'Aragona. Aveva il compito di sovraintendere agli uffici patrimoniali dell'isola (dogane, bailie, maggiorie di ville, portolanie, zecche, saline, uffici d'incontrade), di gestire il patrimonio regio attraverso atti di ordinaria amministrazione (riscossione dei diritti e delle rendite regie, stipulazione di contratti d'appalto e di locazione a breve termine, riparazione degli immobili, come castelli e fortificazioni) e di straordinaria amministrazione (concessione in feudo e in enfiteusi dei beni della Corona, riscatto di censi e canoni, concessione di assensi alla alienazione dei feudi, permessi di esportazione merci, ricognizione dei diritti dei concessionari regi; aveva anche competenza giudiziaria relativamente alle cause in cui era parte il fisco regio. L'ufficio cessò di esistere ufficialmente nel maggio 1720, anno della creazione dell'Intendenza generale da parte di casa Savoia. Bibliografia: ARCHIVIO DI STATO DI CAGLIARI, Il primo Liber Curiae della Procurazione Reale di Sardegna (1413-1425), a cura di G. Olla Repetto, Roma 1974; G. OLLA REPETTO, L'istituto del Procurator regius Regni Sardiniae sotto Alfonso il Magnanimo, in <<Medioevo. Saggi e Rassegne>>, 2 (1976), pp. 97-108.
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Procurazione reale del Regno di Sardegna
eac-cpf:authorizedForm
  • Procurazione reale del Regno di Sardegna
record provenienza id
  • IT-ASCA-CC260440004
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Sardegna
  • Cagliari
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.