rdf:type
rdfs:label
  • Corpo di Stato maggiore generale
dc:title
  • Corpo di Stato maggiore generale
dc:description
  • Il Real Corpo di Stato Maggiore Generale rappresenta il corpo degli ufficiali a cui il re Carlo Alberto nel 1840 affidò l'incarico di procedere alla triangolazione e poligonazione di tutto il territorio della Sardegna. I lavori avevano lo scopo di individuare i confini del territorio demaniale, comunale e privato per arrivare alla formazione di catasti particolari per ogni Comune. Le operazioni vennero affidate a due distinte sezioni, una militare, l'altra civile. Gli ufficiali del Real Corpo, sotto la direzione del capitano Carlo De Candia che aveva collaborato con Alberto La Marmora alle prime rilevazioni del territorio sardo, avevano il compito di svolgere i lavori necessari ad una prima identificazione del territorio. Gli ingegneri civili, invece, si occupavano del rilevamento e della compilazione delle mappe, rappresentando dettagliatamente la superficie di ciascun Comune, comprendente i terreni demaniali, comunali, e privati. Le rilevazioni ebbero termine tra il 1851 e il 1852. Bibliografia: A. RAU, Le origini del Catasto in Sardegna in Studi Economico-Giuridici, XLV (1965-1968), pp. 331-415 F. LODDO CANEPA, Dizionario archivistico per la Sardegna, Cagliari 1926. M. PIRAS, Le fonti cartografiche conservate nell'Archivio di Stato di Cagliari in <<Cartografia e Istituzioni in età moderna>>, Roma 1927
dc:date
  • 1840-1852
ha date esistenza
ha luogo Ambito Territoriale
ha statusProvenienza
abstract
  • Il Real Corpo di Stato Maggiore Generale rappresenta il corpo degli ufficiali a cui il re Carlo Alberto nel 1840 affidò l'incarico di procedere alla triangolazione e poligonazione di tutto il territorio della Sardegna. I lavori avevano lo scopo di individuare i confini del territorio demaniale, comunale e privato per arrivare alla formazione di catasti particolari per ogni Comune. Le operazioni vennero affidate a due distinte sezioni, una militare, l'altra civile. Gli ufficiali del Real Corpo, sotto la direzione del capitano Carlo De Candia che aveva collaborato con Alberto La Marmora alle prime rilevazioni del territorio sardo, avevano il compito di svolgere i lavori necessari ad una prima identificazione del territorio. Gli ingegneri civili, invece, si occupavano del rilevamento e della compilazione delle mappe, rappresentando dettagliatamente la superficie di ciascun Comune, comprendente i terreni demaniali, comunali, e privati. Le rilevazioni ebbero termine tra il 1851 e il 1852. Bibliografia: A. RAU, Le origini del Catasto in Sardegna in Studi Economico-Giuridici, XLV (1965-1968), pp. 331-415 F. LODDO CANEPA, Dizionario archivistico per la Sardegna, Cagliari 1926. M. PIRAS, Le fonti cartografiche conservate nell'Archivio di Stato di Cagliari in <<Cartografia e Istituzioni in età moderna>>, Roma 1927
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Corpo di Stato maggiore generale
eac-cpf:authorizedForm
  • Corpo di Stato maggiore generale
record provenienza id
  • IT-ASCA-CC260440026
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Sardegna
  • Cagliari
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.