rdf:type
rdfs:label
  • Celestini di S. Maria alle Sarche
dc:title
  • Celestini di S. Maria alle Sarche
dc:description
  • La fondazione del monastero di S. Maria alle Sarche si fa risalire al 1325, per iniziativa dei fratelli Andrea e Gerardo d’Arco. La famiglia comitale d’Arco rivestì un ruolo importante nella storia dell’ente, con particolare riguardo ai secoli XVI-XVII: intervenne con lasciti a sostegno del monastero, rivendicandone nel contempo il patronato. I primi “confratres” Celestini delle Sarche provenivano dal convento bergamasco di S. Nicola di Plorzano. Il monastero esercitava cura d'anime locale e funzionava come ospizio per i viandanti, collocato sulla via di collegamento fra Trento e le zone di Arco e Riva. Già autonomo, nel 1616 fu posto alle dipendenze del monastero celestino di S. Cristoforo di Mantova. Fu soppresso nel 1779 per decreto del principe vescovo di Trento Pietro Vigilio Thun, un anno dopo la soppressione del convento mantovano dei Celestini ordinata dall'imperatore Giuseppe II; i beni del convento furono allora incamerati dalla Mensa vescovile di Trento, ed il suo archivio trasferito a Trento. Bibliografia: L. BRESSAN, Documenti vaticani sul monastero di Sarche, "Civis. Studi e fonti", III n. 9 (1979), pp. 227-248. E. CURZEL, Le istituzioni ecclesiastiche della societas christiana trentina, in: Storia del Trentino. III L’età medievale, a cura di A. CASTAGNETTI e G.M. VARANINI, Bologna 2004, pp. 539-577.
dc:date
  • 1325 - 1779
ha date esistenza
ha luogo Ambito Territoriale
ha statusProvenienza
abstract
  • La fondazione del monastero di S. Maria alle Sarche si fa risalire al 1325, per iniziativa dei fratelli Andrea e Gerardo d’Arco. La famiglia comitale d’Arco rivestì un ruolo importante nella storia dell’ente, con particolare riguardo ai secoli XVI-XVII: intervenne con lasciti a sostegno del monastero, rivendicandone nel contempo il patronato. I primi “confratres” Celestini delle Sarche provenivano dal convento bergamasco di S. Nicola di Plorzano. Il monastero esercitava cura d'anime locale e funzionava come ospizio per i viandanti, collocato sulla via di collegamento fra Trento e le zone di Arco e Riva. Già autonomo, nel 1616 fu posto alle dipendenze del monastero celestino di S. Cristoforo di Mantova. Fu soppresso nel 1779 per decreto del principe vescovo di Trento Pietro Vigilio Thun, un anno dopo la soppressione del convento mantovano dei Celestini ordinata dall'imperatore Giuseppe II; i beni del convento furono allora incamerati dalla Mensa vescovile di Trento, ed il suo archivio trasferito a Trento. Bibliografia: L. BRESSAN, Documenti vaticani sul monastero di Sarche, "Civis. Studi e fonti", III n. 9 (1979), pp. 227-248. E. CURZEL, Le istituzioni ecclesiastiche della societas christiana trentina, in: Storia del Trentino. III L’età medievale, a cura di A. CASTAGNETTI e G.M. VARANINI, Bologna 2004, pp. 539-577.
altra denominazione produttore
  • Celestini di S. Maria della Misericordia alle Sarche
  • Celestini di S. Maria delle Nevi alle Sarche
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Celestini di S. Maria alle Sarche
eac-cpf:authorizedForm
  • Celestini di S. Maria alle Sarche
record provenienza id
  • IT-ASTN-CC890000054
sistema provenienza
  • SIAS
dc:coverage
  • Sarche (Trento)
  • Trentino, provincia
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.