rdf:type
rdfs:label
  • Casali Del Drago, marchesi di Riofreddo, principi di Mazzano e Antuni, Roma, sec. XV - sec. XX
dc:title
  • Casali Del Drago, marchesi di Riofreddo, principi di Mazzano e Antuni, Roma, sec. XV - sec. XX
dc:description
  • La famiglia Casali, nota in Roma e nobile fin dal sec. XV, fu inserita nella bolla di Benedetto XIV del 1746 fra le famiglie patrizie coscritte nella persona di G. Battista. Essendo questi privo di discendenza mascolina ed avendo la figlia Maddalena sposato nel 1814 il marchese Stanislao Del Drago, i discendenti assunsero lo stemma e il nome dei Casali facendolo precedere a quello Del Drago. Anche la famiglia Del Drago, oriunda di Viterbo e trapiantata a Roma nel 1475, fu inserita nella bolla di Benedetto XIV del 1746 fra le famiglie patrizie coscritte. I suoi membri ebbero il titolo di marchesi di Riofreddo dal 1622 e di principi di Mazzano e Antuni dal 1832. La famiglia Casali Del Drago annovera tra i suoi membri illustri due cardinali: Antonio Casali (1715-1787), creato cardinale nel 1770, e G. Battista Casali Del Drago, morto nel 1907. Un G. Battista Casali (morto nel 1648), erudito e autore di opere sulle tradizioni sacre e profane degli antichi romani e sulle antichità ecclesiastiche, fu l'iniziatore di una collezione privata di antichità che, soprattutto nel secolo successivo, grazie all'attività del card. Antonio Casali, si arricchirà di oggetti (marmi, statue, sarcofagi, materiale minuto). Tale collezione - conservata nella villa Casali, demolita alla fine dell'Ottocento per la costruzione del Nuovo Ospedale Militare del Celio - fu completamente dispersa alla morte del card. G. Battista Casali Del Drago (1907), che già in vita aveva venduto numerosi reperti.
dc:date
  • sec. XV - sec. XX
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • La famiglia Casali, nota in Roma e nobile fin dal sec. XV, fu inserita nella bolla di Benedetto XIV del 1746 fra le famiglie patrizie coscritte nella persona di G. Battista. Essendo questi privo di discendenza mascolina ed avendo la figlia Maddalena sposato nel 1814 il marchese Stanislao Del Drago, i discendenti assunsero lo stemma e il nome dei Casali facendolo precedere a quello Del Drago. Anche la famiglia Del Drago, oriunda di Viterbo e trapiantata a Roma nel 1475, fu inserita nella bolla di Benedetto XIV del 1746 fra le famiglie patrizie coscritte. I suoi membri ebbero il titolo di marchesi di Riofreddo dal 1622 e di principi di Mazzano e Antuni dal 1832. La famiglia Casali Del Drago annovera tra i suoi membri illustri due cardinali: Antonio Casali (1715-1787), creato cardinale nel 1770, e G. Battista Casali Del Drago, morto nel 1907. Un G. Battista Casali (morto nel 1648), erudito e autore di opere sulle tradizioni sacre e profane degli antichi romani e sulle antichità ecclesiastiche, fu l'iniziatore di una collezione privata di antichità che, soprattutto nel secolo successivo, grazie all'attività del card. Antonio Casali, si arricchirà di oggetti (marmi, statue, sarcofagi, materiale minuto). Tale collezione - conservata nella villa Casali, demolita alla fine dell'Ottocento per la costruzione del Nuovo Ospedale Militare del Celio - fu completamente dispersa alla morte del card. G. Battista Casali Del Drago (1907), che già in vita aveva venduto numerosi reperti.
altra denominazione produttore
  • Casali Del Drago
scheda provenienza href
scheda SAN
è produttore di
forma autorizzata produttore
  • Casali Del Drago, marchesi di Riofreddo, principi di Mazzano e Antuni, Roma, sec. XV - sec. XX
eac-cpf:authorizedForm
  • Casali Del Drago, marchesi di Riofreddo, principi di Mazzano e Antuni, Roma, sec. XV - sec. XX
record provenienza id
  • sp-42628
sistema provenienza
  • SIUSA
dc:coverage
  • Roma
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.