rdf:type
rdfs:label
  • Formenti, Cesare, architetto, (Milano 1852 - Milano 1928)
dc:title
  • Formenti, Cesare, architetto, (Milano 1852 - Milano 1928)
foaf:name
  • Formenti, Cesare, architetto, (Milano 1852 - Milano 1928)
dc:description
  • Cesare Formenti si laurea in Ingegneria Industriale al Regio Istituto Tecnico Superiore (poi Politecnico) di Milano nel 1876. Le sue opere architettoniche si inseriscono nel periodo caratterizzato dall'eclettismo. Attivo nelle province di Milano e Como interviene su edifici esistenti o elabora nuovi progetti, realizzati sempre sulla base di numerosi disegni dettagliati, definendo persino gli arredi e le decorazioni interne. Tra le sue opere civili si segnalano le dimore Silva a Seregno e a Brunate (inizio Novecento), ma si dedica in particolare alle strutture religiose, dove il chiaro riferimento all'architettura romanica lombarda si fonde con la concezione spaziale propria dell'architettura bizantina, declinando quindi quella particolare modalità dell'architettura a tutto sesto sostenuta da Camillo Boito e la sua scuola. Legato particolarmente ai monaci benedettini olivetani concepisce la chiesa e il monastero di San Benedetto a Seregno, a cui lascerà la preziosa biblioteca, e l'abbadia Santa Maria di Monte Oliveto a Ribeirão Prêto in Brasile. Progetta, spesso senza esigere compenso, numerose chiese completate dalle opere parrocchiali. Si ricordano in particolare le chiese della Beata Vergine Immacolata a Binzago di Cesano Maderno (1902-08), di San Carlo a Lambrugo (1902-10), del Redentore a Cernobbio (1908-14), di San Giuseppe a Sesto San Giovanni (1911-16) e di Santa Brigida a Camerlata di Como (1923-27). Realizza anche cappelle gentilizie al Cimitero Monumentale di Mi...
dc:date
  • 1852
  • 1928
ha date esistenza
ha statusProvenienza
abstract
  • Cesare Formenti si laurea in Ingegneria Industriale al Regio Istituto Tecnico Superiore (poi Politecnico) di Milano nel 1876. Le sue opere architettoniche si inseriscono nel periodo caratterizzato dall'eclettismo. Attivo nelle province di Milano e Como interviene su edifici esistenti o elabora nuovi progetti, realizzati sempre sulla base di numerosi disegni dettagliati, definendo persino gli arredi e le decorazioni interne. Tra le sue opere civili si segnalano le dimore Silva a Seregno e a Brunate (inizio Novecento), ma si dedica in particolare alle strutture religiose, dove il chiaro riferimento all'architettura romanica lombarda si fonde con la concezione spaziale propria dell'architettura bizantina, declinando quindi quella particolare modalità dell'architettura a tutto sesto sostenuta da Camillo Boito e la sua scuola. Legato particolarmente ai monaci benedettini olivetani concepisce la chiesa e il monastero di San Benedetto a Seregno, a cui lascerà la preziosa biblioteca, e l'abbadia Santa Maria di Monte Oliveto a Ribeirão Prêto in Brasile. Progetta, spesso senza esigere compenso, numerose chiese completate dalle opere parrocchiali. Si ricordano in particolare le chiese della Beata Vergine Immacolata a Binzago di Cesano Maderno (1902-08), di San Carlo a Lambrugo (1902-10), del Redentore a Cernobbio (1908-14), di San Giuseppe a Sesto San Giovanni (1911-16) e di Santa Brigida a Camerlata di Como (1923-27). Realizza anche cappelle gentilizie al Cimitero Monumentale di Mi...
altra denominazione produttore
  • Formenti Cesare
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
ha luogo morte
ha luogo nascita
eac-cpf:hasPlace
è produttore di
forma autorizzata produttore
  • Formenti, Cesare, architetto, (Milano 1852 - Milano 1928)
eac-cpf:authorizedForm
  • Formenti, Cesare, architetto, (Milano 1852 - Milano 1928)
professione
  • Architetto
record provenienza id
  • sp-20443
sistema provenienza
  • SIUSA
dc:coverage
  • Milano
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.