rdf:type
rdfs:label
  • Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci - Prato, Prato, 1987 -
dc:title
  • Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci - Prato, Prato, 1987 -
dc:description
  • In seguito alla morte del figlio Luigi, sopraggiunta prematura nel 1973, l'industriale pratese e Cavaliere del Lavoro Enrico Pecci decise di donare alla sua città uno spazio museale in memoria del figlio. Ebbe così inizio una proficua collaborazione tra Enrico Pecci e il Comune di Prato la cui amministrazione era a sua volta intenzionata ad organizzare un Centro di documentazione per la conoscenza e la divulgazione dell'arte contemporanea. Nel 1983 venne inaugurato il Centro di documentazione/arti visive (CID/Arti Visive) e nel 1987 fu firmato l'atto costitutivo dell'Associazione 'Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci'. Nel frattempo erano stati commissionati all'architetto fiorentino Italo Gamberini i lavori di edificazione del Museo che si inaugurò l'anno dopo, nel 1988, con la mostra 'panoramica' Europa oggi. Attraverso lo statuto (ultime modifiche del 1998) il Centro si propone, fra le altre cose, di "costituire una collezione di opere d'arte contemporanea; organizzare manifestazioni espositive di arte contemporanea; collezionare, ordinare e conservare presso la propria sede pubblicazioni e materiali di informazione (...); istituire laboratori per artisti; promuovere la produzione di cataloghi; sviluppare scambi culturali con altri enti; organizzare attività nel settore della creatività contemporanea". Il complesso museale, comprendente il Museo d'arte contemporanea, il centro di informazione e documentazione/arti visive, il dipartimento educazione e la sezi...
dc:date
  • 1987 -
ha date esistenza
ha natura giuridica ente
ha statusProvenienza
abstract
  • In seguito alla morte del figlio Luigi, sopraggiunta prematura nel 1973, l'industriale pratese e Cavaliere del Lavoro Enrico Pecci decise di donare alla sua città uno spazio museale in memoria del figlio. Ebbe così inizio una proficua collaborazione tra Enrico Pecci e il Comune di Prato la cui amministrazione era a sua volta intenzionata ad organizzare un Centro di documentazione per la conoscenza e la divulgazione dell'arte contemporanea. Nel 1983 venne inaugurato il Centro di documentazione/arti visive (CID/Arti Visive) e nel 1987 fu firmato l'atto costitutivo dell'Associazione 'Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci'. Nel frattempo erano stati commissionati all'architetto fiorentino Italo Gamberini i lavori di edificazione del Museo che si inaugurò l'anno dopo, nel 1988, con la mostra 'panoramica' Europa oggi. Attraverso lo statuto (ultime modifiche del 1998) il Centro si propone, fra le altre cose, di "costituire una collezione di opere d'arte contemporanea; organizzare manifestazioni espositive di arte contemporanea; collezionare, ordinare e conservare presso la propria sede pubblicazioni e materiali di informazione (...); istituire laboratori per artisti; promuovere la produzione di cataloghi; sviluppare scambi culturali con altri enti; organizzare attività nel settore della creatività contemporanea". Il complesso museale, comprendente il Museo d'arte contemporanea, il centro di informazione e documentazione/arti visive, il dipartimento educazione e la sezi...
altra denominazione produttore
  • Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci - Prato
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci - Prato, Prato, 1987 -
eac-cpf:authorizedForm
  • Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci - Prato, Prato, 1987 -
record provenienza id
  • sp-31714
sistema provenienza
  • SIUSA
dc:coverage
  • Prato
is ha produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.