rdf:type
rdfs:label
  • Provincia di Ascoli Piceno, Ascoli Piceno, 1831 -
dc:title
  • Provincia di Ascoli Piceno, Ascoli Piceno, 1831 -
dc:description
  • A seguito dell'editto Bernetti del 5 luglio 1831, che istituì nello Stato Pontificio le amministrazioni provinciali, nel territorio dell'attuale provincia di Ascoli Piceno si ebbero due amministrazioni provinciali: quella di Fermo, per il territorio della Delegazione di Fermo, e quella di Ascoli, per il territorio della Delegazione di Ascoli. A seguito dell'annessione delle Marche al Regno d'Italia, venne estesa alla regione la legge Rattazzi del 23 ottobre 1859 sull'ordinamento comunale e provinciale. Il territorio veniva suddiviso in Province, Circondari, Mandamenti, Comuni e veniva istituita la Deputazione provinciale di Ascoli Piceno, organo esecutivo della Provincia, presieduta dal Prefetto. In attuazione del decreto Minghetti del 22 dicembre 1860, la provincia di Ascoli fu divisa in due Circondari: Circondario di Ascoli Piceno e Circondario di Fermo. Il territorio del Circondario corrispondeva esattamente a quello della preesistente provincia pontificia (Delegazione di Ascoli) nella sua conformazione definitiva dopo la perdita del Comune di Ancarano (ceduto al Regno delle Due Sicilie e da questo all'Abruzzo nel 1852). Il Circondario di Ascoli Piceno si divideva in 6 Mandamenti e 45 Comuni complessivi (1860), ridotti a 39 entro il 1869. La ripartizione amministrativa sancita nel 1860 dal decreto Minghetti cessò di esistere nel 1927, quando fu soppresso il Circondario di Fermo e Ascoli torno capoluogo provinciale dell'intera area. Nel 2004, con la legge 147, la pro...
dc:date
  • 1831 -
ha qualificazioni relazioni Cpf
ha date esistenza
ha natura giuridica ente
ha statusProvenienza
abstract
  • A seguito dell'editto Bernetti del 5 luglio 1831, che istituì nello Stato Pontificio le amministrazioni provinciali, nel territorio dell'attuale provincia di Ascoli Piceno si ebbero due amministrazioni provinciali: quella di Fermo, per il territorio della Delegazione di Fermo, e quella di Ascoli, per il territorio della Delegazione di Ascoli. A seguito dell'annessione delle Marche al Regno d'Italia, venne estesa alla regione la legge Rattazzi del 23 ottobre 1859 sull'ordinamento comunale e provinciale. Il territorio veniva suddiviso in Province, Circondari, Mandamenti, Comuni e veniva istituita la Deputazione provinciale di Ascoli Piceno, organo esecutivo della Provincia, presieduta dal Prefetto. In attuazione del decreto Minghetti del 22 dicembre 1860, la provincia di Ascoli fu divisa in due Circondari: Circondario di Ascoli Piceno e Circondario di Fermo. Il territorio del Circondario corrispondeva esattamente a quello della preesistente provincia pontificia (Delegazione di Ascoli) nella sua conformazione definitiva dopo la perdita del Comune di Ancarano (ceduto al Regno delle Due Sicilie e da questo all'Abruzzo nel 1852). Il Circondario di Ascoli Piceno si divideva in 6 Mandamenti e 45 Comuni complessivi (1860), ridotti a 39 entro il 1869. La ripartizione amministrativa sancita nel 1860 dal decreto Minghetti cessò di esistere nel 1927, quando fu soppresso il Circondario di Fermo e Ascoli torno capoluogo provinciale dell'intera area. Nel 2004, con la legge 147, la pro...
altra denominazione produttore
  • Provincia di Ascoli Piceno
scheda provenienza href
scheda SAN
ha luogoProduttore
eac-cpf:hasPlace
ha luogo Sede
è produttore di
ha sottotipologia ente
forma autorizzata produttore
  • Provincia di Ascoli Piceno, Ascoli Piceno, 1831 -
eac-cpf:authorizedForm
  • Provincia di Ascoli Piceno, Ascoli Piceno, 1831 -
record provenienza id
  • sp-50654
sistema provenienza
  • SIUSA
dc:coverage
  • Ascoli Piceno
is ha produttore of
is ha relazione con Soggetto Produttore of
Raw Data in: CSV | RDF ( N-Triples N3/Turtle JSON XML ) | OData ( Atom JSON ) | Microdata ( JSON HTML) | JSON-LD     Browse in: LodLive
This material is Open Knowledge   W3C Semantic Web Technology [RDF Data] Valid XHTML + RDFa
OpenLink Virtuoso version 06.01.3127, on Win32 (i686-generic-win-32), Standard Edition
Data on this page belongs to its respective rights holders.